Studio

Primo giorno di università: ecco le linee guida essenziali

primo giorno di università

Primo giorno di università? Lo ricordo ancora benissimo, come fosse ieri; eppure correva l’anno 2001. Ero emozionato ed eccitato per la nuova avventura che – dopo 5 anni di liceo scientifico – mi accingevo ad affrontare.

La curiosità era tanta: quali differenze constaterò rispetto agli anni trascorsi sui banchi di scuola? Riuscirò ad adattarmi al nuovo contesto? Sarà un percorso più facile o più difficile? Troverò amici e colleghi con cui confrontarmi o sarà dura socializzare? Insomma, il primo giorno di università le incertezze non mancavano: non ero sicuro di niente… ed era tutto da scoprire!

Ora, non escludo che qualche matricola possa iniziare il percorso accademico con indifferenza o strafottenza, ma credo che la maggior parte degli studenti universitari sperimenti – come è naturale che sia – uno stato emozionale più o meno intenso. Vediamo come prepararsi a questo nuovo inizio attraverso una serie di linee guida.

Primo giorno di università: ecco una serie di istruzioni pratiche per affrontarlo al meglio

Cosa portarsi dietro

Il primo giorno di università non hai bisogno di chissà quale equipaggiamento: le lezioni sono alquanto “soft”, prettamente introduttive, e servono a darti indicazioni sul programma e sui libri o dispense da utilizzare. Ti basta penna e carta ovvero il minimo indispensabile per prendere qualche appunto! Se vuoi sapere come prendere appunti all’università, potresti scaricare l’eBook Il Memorandum dello Studente Universitario nel quale ho dedicato un’intera sezione proprio a questo argomento.

Arriva in anticipo

Il primo giorno di università è quello più affollato: se non arrivi almeno mezzora prima dell’inizio dei corsi, è molto probabile che tu debba sederti a terra o negli ultimi banchi, finendo per seguire male la lezione. Certe aule sono molto spaziose e se ti siedi in fondo a tutto puoi avere difficoltà a leggere le slide che vengono proiettate, rischiando così di non captare tutto ciò che viene spiegato dal professore.

Socializza

Non essere timido: il primo giorno di università attacca subito bottone con chi ti sta accanto. Come in ogni contesto, è davvero importante creare sinergie per non sentirsi soli o esclusi. Ampliare il proprio giro di amicizie in ambito universitario contribuisce, infatti, a rendere il percorso accademico più agevole. Se qualche argomento ti risulterà particolarmente ostico, potrai confrontarti con i tuoi colleghi universitari per avere dei chiarimenti. Inoltre, se ti troverai ad affrontare dei progetti di gruppo, riuscirai subito a fare squadra.

Non vergognarti di sembrare una matricola (anche perché lo sei!)

Il primo giorno di università è probabile che tu non conosca niente e nessuno: non esitare a chiedere informazioni! Piuttosto che gironzolare alla ricerca dell’aula in cui si tiene la prima lezione, con il rischio di arrivare in ritardo o di sbagliare corso, chiedi dove si trova, all’usciere o a uno studente (questo potrebbe essere anche un pretesto per socializzare).

Come vestirsi

Il primo giorno di università non è un cerimoniale: vestiti casual. Niente giacca (per lui) o vestitini troppo appariscenti (per lei), bensì jeans e maglia (o camicia per lui). Le calzature devono essere comode (niente stivali o tacchi a spillo per lei!). Personalizza pure il tuo stile se vuoi distinguerti, ma non sfociare nel ridicolo o in inutili eccessi.

Vai alla scoperta della struttura universitaria e dei servizi limitrofi

Il primo giorno di università, dopo aver seguito i corsi, non scappartene subito via. Familiarizza con il nuovo ambiente esplorando le strutture. Fatti un giro per la sede o per il campus! Esplora anche la zona limitrofa per scoprire dove si trovano le librerie, le copisterie e i punti ristoro più vicini all’università. Inoltre, analizza le varie opzioni di trasporto pubblico per trovare quella più adatta alle tue esigenze.

Inizia bene l’università

metodo di studio universitarioCome avrai capito il primo giorno di università è pura formalità. La cosa importante – nella sostanza – è partire bene con la preparazione degli esami. L’errore più comune che commettono le matricole è quello di non dotarsi di un metodo di studio universitario. Spesso gli studenti del primo anno (e non solo!) improvvisano adattando il metodo delle scuole superiori allo studio universitario. Il risultato di un siffatto approccio? Voti bassi o – cosa molto frequente – zero esami dati. In pratica, un disastro! Se vuoi prevenire questo scenario, puoi ricorrere ad una serie di strategie pratiche, efficaci e inedite che espongo nell’eBook Il Memorandum dello Studente Universitario. Non solo ti verrà spiegato passo passo un metodo di studio universitario (sia per gli esami teorici sia per quelli che prevedono lo svolgimento di esercizi), ma ti verrà anche svelato come affrontare al meglio tutte le situazioni critiche che solitamente si incontrano durante gli anni dell’università. Insomma, si tratta di una vera e propria “bibbia” per lo studente universitario! Puoi scaricare l’estratto gratuito del Memorandum compilando il modulo sottostante o, se già sei iscritto alla newsletter di Arricchisciti, accedendo all’area riservata.


I tuoi dati personali sono trattati in conformità
al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy.

Francisco Pacifico
Esperto nel successo personale, ho fondato il blog Arricchisciti.com in quanto ritengo che l'eccellenza sia un diritto universale che tutti dovrebbero poter esercitare liberamente, al fine di migliorare la propria vita e contribuire al progresso dell'umanità.
Potrebbero interessarti anche
consigli per studiare all'università
3 consigli per studiare all’università con profitto
difficoltà a studiare all'università
Difficoltà a studiare all’università? Basta crisi universitaria!

In OMAGGIO per te l'eBook "ESERCIZI PRATICI PER MIGLIORARE LA PROPRIA VITA" nonché gli estratti di tutte le mie PUBBLICAZIONI

Scarica tutte le risorse gratuite